Articoli

libreria montessori

Perché una libreria montessori, frontale, nella cameretta, può essere uno stimolo importante per il bambino?

Perché gli propone i libri, fin dalla più tenera età, come compagni di gioco: riconoscibili, familiari, accessibili. In questo modo i libri diventeranno compagni di crescita importanti, fonte di conoscenza, ispirazione e immaginazione.

L’importanza della lettura nella prima infanzia.

Molti studi scientifici dimostrano quanto sia importante la lettura per i bambini, per sviluppare attenzione, empatia, curiosità. Aiuta a sviluppare il linguaggio, arricchisce il vocabolario. Ma, a parte la scienza…

Leggere con i propri figli è bello!

Abbracciarli e ritrovare quel momento di intimità, quando loro si lasciano cullare dalla tua voce e tutti insieme si va alla scoperta di una nuova dimensione, che aiuta la tranquillità, la concentrazione e crea un linguaggio comune.
Per noi questo è un momento quotidiano molto prezioso, e a dirla tutta anche una strategia nei momenti di crisi familiare quando i decibel superano la soglia della tolleranza e la situazione sembra sfuggirci di mano.

Impugnare un libro diventa un’arma a favore del relax, della concentrazione, della tranquillità.

Leggere e rileggere tante volte.

Ogni bambino ha i suoi libri preferiti che conosce a memoria: rileggere la stessa storia infinite volte tranquillizza, aiuta la comprensione e l’elaborazione dei concetti.

La ripetizione è il segreto della perfezione.

Lo diceva già Maria Montessori in La scoperta del bambino. Fare e ripetere per il bambino è fondamentale, sia nelle azioni, che piano piano acquisiranno sicurezza e saranno sempre più precise, sia nell’ascolto e nella lettura.

Mano a mano, rileggendo, sfogliando, osservando le illustrazioni, il libro acquisirà per il bambino sempre più significato.

Nella nostra serie di mobili non poteva mancare Leggola, la libreria montessori.

La libreria frontale è uno strumento indispensabile per i bambini non ancora capaci a leggere, perché possono scegliere autonomamente i libri guardando la copertina. È infatti un mobile che si trova in tutte le scuole dell’infanzia e negli asili nido.

Sfruttando la sua forma abbiamo pensato di rendere la nostra libreria montessoriana veramente tridimensionale, con qualcosa in più, dando la possibilità di un utilizzo del retro.
Davanti l’immaginazione parte dai libri, dietro parte dal gioco simbolico: una casetta per le bambole, o un garage, o una fattoria…per immaginare altre storie.

Autonomia e sicurezza.

L’esercizio dell’autonomia è importantissimo, scegliere da soli fa sentire grandi, consapevoli. Spesso infatti i cosiddetti “capricci” dei bambini sono semplicemente desideri di autonomia non realizzati. La possibilità di avere un mobile alla propria misura, accessibile e sicuro, permette ai bambini di realizzare il loro desiderio di autonomia, lasciando ai genitori la tranquillità della sicurezza.

“Il fatto è” è un libro per bambini, un allegro racconto cadenzato e ripetitivo, una storia semplice di animali e amicizia, che racconta di una paperetta coraggiosa che preferisce affrontare il lupo cattivo piuttosto che fare ciò che le viene imposto…per poi cambiare idea appena rimane libera di scegliere da sola!
“Il fatto è” è anche un libro per i genitori. Ci racconta quanto sia ostinata la voglia di indipendenza nei bambini, e ci ricorda qual è il modo migliore per affrontarla: non insistere e lasciarli liberi di provare!
“Il fatto è, di Gek Tessaro, edizioni Lapis.
la regina dei baci

Ecco i nostri primi consigli di lettura per bambini: i cinque libri fondamentali per le nostre famiglie di Nini.

Li consideriamo un po’ la base emotiva della crescita dei nostri figli, e della nostra crescita come mamme!

I libri sono strumenti preziosi. Ogni famiglia ha i suoi libri preferiti, quelli che i bambini hanno letto un sacco di volte e sanno a memoria. Quelli che se sbagli una parola vieni subito pizzicata!

Vogliamo condividere con voi qualche consiglio di lettura, libri che ci hanno fatto divertire ma anche riflettere assieme ai nostri piccoli.

“La regina dei Baci” di Kristien Aertssen. Il libro del cuore, ci ha accompagnato nelle prime letture, per imparare le parole, per educarsi sentimentalmente. Si vola tra regine dei giochi e dei dolci, tra regine della notte, dei giardini e dei gatti alla ricerca della regina dei baci, una mamma che lavora ma non vede l’ora di abbracciare e baciare.

“In una famiglia di topi” di Giovanna Zoboli e Simona Mulazzani. Descrive molti momenti di una famiglia di topi, momenti di condivisione e spazi di autonomia, regole comuni e principi di libertà individuali, perché in una famiglia c’è spazio per tutti ma bisogna anche darsi uno spazio. E soprattutto non dimenticarsi mai il bacio della buona notte.

“Un libro” di Tullet è un libro gioco, che apre uno spazio di lettura in cui il bambino non è passivo, ma attivamente con le sue mani magiche agisce sul testo. Noi abbiamo passato un sacco di pomeriggi a girarlo e rigirarlo scuotendo le palline disegnate, mai lo avrei pensato prima. Assolutamente consigliato.

“A caccia dell’orso” di Michael Rosen,  lo hanno definito un capolavoro dell’infanzia. A noi piace che la famiglia protagonista sia composta da cinque perché ci immedesimiamo, ci piace che le paure si affrontano tutti insieme, ci piace soprattutto vedere tutti alla fine sotto al piumone e urlare all’unisono “A caccia dell’orso non ci andiamo più!!”

“Gigi cerca il suo berretto” di Bruno Munari. Incredibile l’abilità di Munari di farti scorrere le pagine del suo libro alla ricerca del cappello di Gigi che lo aveva in testa. La partecipazione dei bambini non è solo aprire le finestrelle, ma anche commentare il disordine di Gigi, che tiene un uccellino nell’armadio, una scarpa nel frigorifero, un granchio tra la biancheria. Munari, con la sua forza fantastica, apre delle finestre anche oltre il libro, alla scoperta della fantasia, della magia e dell’ironia.

Perché vi parliamo di libri, noi che facciamo mobili? Perché vogliamo raccontarvi chi siamo, così da capire da dove parte il nostro progetto; da due mamme che volevano qualcosa di più, hanno letto, studiato, immaginato e creato un piccolo mondo fantastico. E poi perché la nostra libreria frontale Leggola è stata progettata pensando proprio a questi libri che vi raccontiamo, così che i nostri e i vostri figli li possano scegliere in autonomia per leggerli tutte le volte che vogliono!