Salila torre di apprendimento

La learning tower o torre d’apprendimento montessoriana. Uno strumento per la famiglia.

Quanto è bello entrare in quegli spazi fatti apposta per i bambini, con lavandini fatti a loro misura che gli lasciano la possibilità di lavare i piatti, di riempire le brocche.
Le prime volte che sono entrata in una Casa dei Bambini, cioè una scuola dell’infanzia in cui si applica il metodo Montessori, mi sono emozionata nel vedere le piccole scope, palette, stendini per i panni a loro misura… Però è anche vero che non sempre a casa possiamo ricreare lo stesso ambiente. La casa è uno spazio di tutti, e da tutti deve essere vissuto.

Nini parte proprio da questo, cercare di portare l’approccio Montessori tra le mura di casa e aiutare i genitori in questo nuovo compito, così cambiato nel tempo.

Siamo partiti dai lettini, dai tavolini, dalle seggioline, ma come aiutare il bambino ad aiutarci e a fare da sé nella cucina, uno spazio così tipicamente disegnato da e per gli adulti? Non poteva mancare quindi nel nostro catalogo anche la torre di apprendimento, generalmente chiamata torre montessoriana, non perché sia stata Maria Montessori a pensarla ma perché a lei si ispira per funzionalità.
E allora ne parliamo un po’ di più con voi, perché da molti di voi è venuta la richiesta di pensarne una bella e funzionale come è proprio dei mobili di Nini.

Innanzitutto, per chi ancora non l’avesse incontrata:

Che cos’è una torre d’apprendimento o montessoriana?

La learning tower è un rialzo che permette ai bambini anche molto piccoli di arrivare all’altezza di un lavandino o un pianale da adulto in tutta sicurezza. Si tratta infatti di un’alzata, una specie di sgabello, che però ha una protezione di lato e dietro la schiena così che il bambino può lavorare lavorare in piedi accanto all’adulto senza paura di cadere. Ha solitamente un altezza di circa 90 centimetri  in modo da potere posizionare la torre a ridosso di un mobile come il bancone da cucina.

learning tower

A cosa serve una torre d’apprendimento e perché viene detta montessoriana?

La torre d’apprendimento viene chiamata montessoriana perché favorisce l’autonomia del bambino che può salire e scendere da solo e quindi sperimentare alcuni esercizi in libertà, come riempire una brocca d’acqua, lavare un bicchiere o cucinare su un piano adeguato. Accresce le sue competenze attraverso il processo di imitazione dell’adulto, il quale al suo fianco gli insegna come procedere nelle sue attività senza avere la preoccupazione che possa cadere o farsi male.

La torre di apprendimento aiuta anche i genitori, perché permette al bambino di aiutarli e di impegnarsi in un momento in cui hanno bisogno di avere le mani libere e di occuparsi ad esempio della cena o di recuperare un ingrediente senza lasciare il bambino in una situazione di pericolo.

La learning tower cos’ha in più di uno sgabello o di una scaletta o di un seggiolone?

Lo abbiamo chiesto direttamente a chi della nostra community l’ha usata.

“Io la uso per cucinare i bambini arrivano all’altezza del piano e possono cucinare con me. Questa cosa per esempio non funziona con il seggiolone perché nella maggior parte dei casi non gli permette di lavorare sul piano. Infatti seduti hanno meno mobilità.

È meglio di uno sgabello perché è più sicura, non ha rischio di ribaltamento. Io posso lasciarli sulla torre e posso andare a prendere una pentola un altro ingrediente o occuparmi di un altro compito. Per esempio mia foglia lava l’insalata mentre io lavoro al piano cottura. Ci ha permesso di fare le torte, i biscotti, e di passare un buon tempo insieme soprattutto quando dovevamo stare tutti a casa. Noi la usiamo specialmente al piano cucina, ma i bimbi la usano anche come scaletta per prendere oggetti in alto.” Ci racconta Chiara.

torre d'apprendimento

E Salila, la torre di Nini cosa ha in più?

Come sapete noi di Nini cerchiamo di fare sempre oggetti che rispettino un certo approccio educativo, ma che si possano anche usare nel tempo, perché favorire il riuso degli oggetti, principio cardine per favorire la sostenibilità ambientale.

Così come il letto Ninnanì diventa libreria e la seggiolina Dindola diventa dondolo, anche Salila ha più funzioni. Può essere infatti divisa in modo da dare vita a due sedute da adulto, per due ospiti in più, per quando torneremo a stare tutti intorno a un tavolo insieme!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *