montessori arredi

Quando hai un figlio, l’idea di potere ricominciare a giocare può essere entusiasmante…  chi pensa alla pista delle macchinine, chi alle Barbie e chi ai Lego. Chi si dice “finalmente potrò comprare il Dolce-forno Harbert e capire come funziona”!

Quando viene il tempo però si capisce che anche questa è una scelta educativa. Visto che noi amiamo giocare, e lo facciamo anche con i nostri mobili, ne abbiamo parlato con Natalia De Armas, un’educatrice specializzata in psicomotricità.*

Natalia, Maria Montessori diceva che ‘il gioco è il lavoro del bambino’, cosa significa per te?

Il gioco è alla base della conoscenza, perché è il principale strumento di espressione dei bambini, da cui acquisiscono nozioni su se stessi, gli altri e il mondo. Il gioco insegna a apprendere, a orientarsi nello spazio e nel tempo, a manipolare e costruire, a stabilire relazioni e a comunicare. Ma non solo. Il gioco consente di comprendere e capire il proprio corpo in relazione agli altri e allo spazio, è quindi un elemento privilegiato e indispensabile per lo sviluppo integrale del bambino perché include la dimensione motoria, cognitiva, affettiva e sociale.

La condivisione di alcuni momenti di gioco durante la giornata con con una persona adulta, sia esso genitore o un’altra figura come un insegnante un nonno o altro parente è molto importante. Sappiamo bene che i ritmi della società ci impongono una riduzione del tempo dedicato al gioco condiviso, libero da distrazioni come cellulare, televisione o lavoro, ma l’adulto rimane fondamentale. È dell’adulto, infatti, il compito di garantire le condizioni di sicurezza dello spazio e dei materiali che al gioco sono dedicati, ma anche la trasmissione di conoscenza. D’altro canto i bambini devono anche imparare a giocare da soli, per sviluppare strumenti e sistemi per non annoiarsi, senza avere la costante presenza di qualcuno che li aiuti.

Una caratteristica del nostro design è l’attenzione agli stimoli. Ma per farlo abbiamo scelto materiali e forme semplici, non solo perché sostenibili, ma anche perché ci sembrava la scelta più adeguata a questo fine.  Sembra quasi una contraddizione, forse materiali più tecnologici potrebbero creare maggiori stimoli?

Il mondo è in continua evoluzione tecnologica, ma questa tecnologia non è strettamente necessaria per i bambini, almeno fino ai 6 anni.

I giochi non figurativi, che lasciano lo spazio per mostrare le proprie inclinazioni, di risvegliare immaginazione e creatività, sono strumenti ben più adeguati. Quindi ben venga la semplicità! . Del resto ci ricordiamo anche noi che da piccoli una scatola poteva essere un’auto, un aereo, un nascondiglio. Una sedia o un tavolo potevano diventare una grotta, una casa o un treno. Un libro senza testo, che contiene solo immagini, può raccontare tante storie quante le persone che lo leggono.

Molto spesso crediamo che siano necessari molti giochi, ma le cose di tutti i giorni possono far giocare i bambini per ore e ore. Alcuni semi, un po’ di terra, una pentola, un tavolo, un panno, una corda o il letto stesso del bambino, bastano per liberare creatività e fantasia, favorendo lo sviluppo nel suo complesso.

Al contrario invece aumenta l’uso di giochi e dispositivi in cui i bambini sono semplicemente spettatori, così come i giochi che cercano di stimolare precocemente i bambini. Sdraiette autovibranti, giochi da suoni stridenti e luci colorate sono oggetti che rendono il bambino passivo e contribuiscono a creare dipendenza. Sarà così più veloce annoiarsi senza uno stimolo sonoro  o visivo a portata, e avremo sempre più a che fare con bambini in sovrappeso, con difficoltà comportamentali, con deficit di attenzione e altre difficoltà.

A volte il costante movimento del bambino manda in allarme i genitori, e si ricorre a stratagemmi per tenerli tranquilli. Non sempre però è davvero necessario. A volte possiamo seguire le loro cavalcate immaginarie e lasciarsi travolgere può essere esaltante anche per gli adulti.

 

*Natalia ha sviluppato la sua professione in ambito socio-educativo con bambini da 0 a 3 anni e le loro famiglie, offrendo workshop sul legame, il gioco e lo sviluppo psicomotorio in contesti di vulnerabilità sociale.

Ha lavorato anche nell’area clinica con bambini dai 2 ai 16 anni di età con difficoltà scolastiche, motorie, relazionali e comportamentali e diverse patologie come la sindrome di Down, l’agenesia del corpo calloso, il disturbo dello spettro autistico, eccetera.

reggiochildren

“La fantasia fa parte di noi come la ragione, ed esplorarla è un modo per guardare dentro noi stessi”: Gianni Rodari, spiegava così, con due frasi precise, a che cosa serve la fantasia. Imparare a usarla, proseguiva, significa imparare a usare uno strumento coraggioso e potente, che offre soluzioni originali a ogni problema. E la fantasia dei bambini è ancora più capace di quella degli adulti di scavalcare la banalità e di creare nuovi mondi e nuove avventure.

Ecco perché Rodari propose a noi lettori la Grammatica e poi gli Esercizi della fantasia. La sua idea era quella di proporre una Fantastica così come esiste una Logica, secondo l’intuizione che fu del poeta tedesco Novalis e che Rodari lesse, giovane maestro neodiplomato, restandone profondamente colpito. Una Fantastica è uno strumento cognitivo con cui costruire storie, e lo si può esercitare e utilizzare liberamente ogni giorno.

La Grammatica della fantasia, che della Fantastica contiene i fondamenti teorici, venne dedicata alla città di Reggio Emilia, dove lo scrittore incontrò i ragazzi, gli educatori e la cittadinanza nel 1972, e ispirò Loris Malaguzzi per la definizione del suo metodo educativo conosciuto in tutto il mondo come “Reggio approach”. Ma già da tempo nelle scuole reggiane, si era aperto un atelier in cui i bambini vengono invitati a esprimersi attraverso i “cento linguaggi”, cioè i cento accessi alla realtà che nascono dall’insieme delle sue modalità espressive: quelle fisiche, emotive e logiche. E dove e si costruiscono storie sperimentando liberamente e lasciando correre la fantasia. È così, spiegava Malaguzzi, che i bambini costruiscono da soli, con le proprie mani e le proprie emozioni insieme al proprio cervello, la propria intelligenza.

E gli adulti? Gli adulti sono invitati a rendere tutto questo possibile costruendo ambienti adatti e stimolanti, e facendosi invisibili mentre i bambini esplorano da soli.

Educare alla fantasia cioè non significa imporre la propria conoscenza, né tantomeno pilotare l’espressione del bambino. La fantasia aiuta a sviluppare i linguaggi, i ragionamenti, il carattere. Non abbiate paura di perdere l’aderenza alla realtà: anzi la realtà si affronta meglio con la fantasia. Tanto più che i nostri sensi, a partire dalla vista, non vendono una realtà asettica e ferma, ma la interpretano, la adattano: l’immaginazione è un potente atto creativo che si sovrappone ai sensi e usa i simboli per inventare e dare spessore. Ed ecco il terzo personaggio chiave di questa storia: Bruno Munari, geniale artista e designer, spesso accanto a Rodari nella creazione di percorsi narrativi ed educativi. È Munari, infatti, a illustrare molti dei racconti di Rodari, ma le sue non sono solo illustrazioni, didascalie grafiche: sono invenzioni creative a sé. Libere, come libera, scriveva, è la fantasia, che può “pensare qualunque cosa, anche la più assurda, incredibile, impossibile”.

Dalle intuizioni di Munari sono nati giochi e creazioni che si possono fare anche in casa, usando pochi semplici oggetti concreti ma moltissima, indispensabile, libertà.

Bibliografia: I cento linguaggi dei bambini, Loris Malaguzzi – Disegnare un albero, Bruno Munari – Grammatica della Fantasia, Gianni Rodari

Il momento di alzarsi in volo prima o poi arriva per tutti. È la conquista della maturità, quando il piccolo comincia a essere in grado di nutrirsi da solo, di esplorare le zone intorno al nido, di farsi adulto e forte. Per la specie umana questo è un processo lungo anni, ma anche per i nostri cuccioli in qualche modo deve cominciare. Come? Beh, un modo molto semplice è quello di incoraggiarli a fare da soli e ricompensarli con uno sguardo di soddisfazione: “ce l’hai fatta!!” .

Per esempio. Il bambino già a tre anni può aiutare a portare in tavola quello che serve per la cena in famiglia. Non si tratta soltanto di abituarsi in fretta a “dare una mano in casa”. L’apparecchiatura della tavola, infatti, può avere una funzione educativa e diventare un bellissimo gioco. Se l’idea vi turba (un bambino così piccolo messo al lavoro!) sappiate che negli asili nido lo si fa già da tempo e funziona benissimo. Vediamo perché.

Imparare a mettere la tovaglia e poi sopra gli altri oggetti in un certo ordine preciso è un esercizio per il pensiero logico: si deve capire che cosa mettere in tavola prima e che cosa dopo, valutare il numero dei piatti e dei commensali, ricordarsi l’ordine delle portate e la disposizione degli oggetti che servono per mangiarle. Bisogna quindi essere concentrati e attenti. Poi per apparecchiare si usano le mani, e questo non è affatto secondario. Imparare a maneggiare con cautela gli oggetti, per esempio la brocca dell’acqua, esercita infatti l’equilibrio e le abilità motorie (e pazienza se le prime volte si versa un po’ d’acqua sul tavolo!). Maria Montessori riteneva questo esercizio importante non solo dal punto di vista fisico, perché lo sviluppo della motricità fine era per lei propedeutico a ogni apprendimento: “le mani sono gli strumenti propri dell’intelligenza dell’uomo”, scriveva. Infine, e in generale, la conquista dell’autonomia e la sensazione di aver partecipato alla costruzione di un momento comune rende sicuri di sé, orgogliosi delle proprie capacità, e fieri di ricevere la stima e la fiducia di papà e mamma.

E non si tratta solo di apparecchiare. Forme di “playful learning” possono essere create in molte situazioni: imparare ad allacciarsi le scarpe, a vestirsi da sé, a innaffiare le piante di casa sono esercizi che a noi grandi possono sembrare banali ma il bambino avrà la sensazione di giocare in maniera costruttiva, e sarà per lui come uno di quei giochi guidati dai grandi che finiscono con un bel “bravo!”, e danno sempre tanta soddisfazione.

Ora, chi potrebbe avere più perplessità sono proprio loro, anzi siamo noi: i genitori. Perché, diciamocelo pure, osservare un figlio piccolo che si muove in autonomia fa un po’ paura e a volte crea qualche disagio. Significa lunghe attese mentre si mette i pantaloni, qualche oggetto fragile che ogni tanto cade, e l’impossibilità di aiutarlo o di sostituirsi a lui quando ci ha oramai preso gusto e vuole per forza fare tutto da solo. È normale, ma si supera, e anche il disagio dura solo un po’, perché nel tempo si traduce in maggiore libertà per tutti. Anzi, scommettiamo che appena smettiamo di avere paura e lo incoraggiamo a cavarsela da solo, cioè ad aprire le sue ali , anche noi non vorremo più smettere di farlo?

cameretta montessori

Un ceffone, ogni tanto, fa bene”: era una confidenza ricorrente tra i genitori di un tempo (come i nostri!), quelli che ogni tanto, ai figli, uno sculaccione o uno schiaffo lo allungavano davvero. Un ceffone serviva a spaventare, a imporre la propria autorità, a ricordare chi è che comanda: a “raddrizzare” un figlio un po’ birbante. Ma c’è (e c’era) davvero bisogno di quelle botte? No. Semplicemente perché il ruolo del genitore non è quello cui si puntava a quei tempi, un ruolo che senza manifestazioni di supremazia si sgretola e perde di senso.
Continua a leggere