montessori arredi

Quando hai un figlio, l’idea di potere ricominciare a giocare può essere entusiasmante…  chi pensa alla pista delle macchinine, chi alle Barbie e chi ai Lego. Chi si dice “finalmente potrò comprare il Dolce-forno Harbert e capire come funziona”!

Quando viene il tempo però si capisce che anche questa è una scelta educativa. Visto che noi amiamo giocare, e lo facciamo anche con i nostri mobili, ne abbiamo parlato con Natalia De Armas, un’educatrice specializzata in psicomotricità.*

Natalia, Maria Montessori diceva che ‘il gioco è il lavoro del bambino’, cosa significa per te?

Il gioco è alla base della conoscenza, perché è il principale strumento di espressione dei bambini, da cui acquisiscono nozioni su se stessi, gli altri e il mondo. Il gioco insegna a apprendere, a orientarsi nello spazio e nel tempo, a manipolare e costruire, a stabilire relazioni e a comunicare. Ma non solo. Il gioco consente di comprendere e capire il proprio corpo in relazione agli altri e allo spazio, è quindi un elemento privilegiato e indispensabile per lo sviluppo integrale del bambino perché include la dimensione motoria, cognitiva, affettiva e sociale.

La condivisione di alcuni momenti di gioco durante la giornata con con una persona adulta, sia esso genitore o un’altra figura come un insegnante un nonno o altro parente è molto importante. Sappiamo bene che i ritmi della società ci impongono una riduzione del tempo dedicato al gioco condiviso, libero da distrazioni come cellulare, televisione o lavoro, ma l’adulto rimane fondamentale. È dell’adulto, infatti, il compito di garantire le condizioni di sicurezza dello spazio e dei materiali che al gioco sono dedicati, ma anche la trasmissione di conoscenza. D’altro canto i bambini devono anche imparare a giocare da soli, per sviluppare strumenti e sistemi per non annoiarsi, senza avere la costante presenza di qualcuno che li aiuti.

Una caratteristica del nostro design è l’attenzione agli stimoli. Ma per farlo abbiamo scelto materiali e forme semplici, non solo perché sostenibili, ma anche perché ci sembrava la scelta più adeguata a questo fine.  Sembra quasi una contraddizione, forse materiali più tecnologici potrebbero creare maggiori stimoli?

Il mondo è in continua evoluzione tecnologica, ma questa tecnologia non è strettamente necessaria per i bambini, almeno fino ai 6 anni.

I giochi non figurativi, che lasciano lo spazio per mostrare le proprie inclinazioni, di risvegliare immaginazione e creatività, sono strumenti ben più adeguati. Quindi ben venga la semplicità! . Del resto ci ricordiamo anche noi che da piccoli una scatola poteva essere un’auto, un aereo, un nascondiglio. Una sedia o un tavolo potevano diventare una grotta, una casa o un treno. Un libro senza testo, che contiene solo immagini, può raccontare tante storie quante le persone che lo leggono.

Molto spesso crediamo che siano necessari molti giochi, ma le cose di tutti i giorni possono far giocare i bambini per ore e ore. Alcuni semi, un po’ di terra, una pentola, un tavolo, un panno, una corda o il letto stesso del bambino, bastano per liberare creatività e fantasia, favorendo lo sviluppo nel suo complesso.

Al contrario invece aumenta l’uso di giochi e dispositivi in cui i bambini sono semplicemente spettatori, così come i giochi che cercano di stimolare precocemente i bambini. Sdraiette autovibranti, giochi da suoni stridenti e luci colorate sono oggetti che rendono il bambino passivo e contribuiscono a creare dipendenza. Sarà così più veloce annoiarsi senza uno stimolo sonoro  o visivo a portata, e avremo sempre più a che fare con bambini in sovrappeso, con difficoltà comportamentali, con deficit di attenzione e altre difficoltà.

A volte il costante movimento del bambino manda in allarme i genitori, e si ricorre a stratagemmi per tenerli tranquilli. Non sempre però è davvero necessario. A volte possiamo seguire le loro cavalcate immaginarie e lasciarsi travolgere può essere esaltante anche per gli adulti.

 

*Natalia ha sviluppato la sua professione in ambito socio-educativo con bambini da 0 a 3 anni e le loro famiglie, offrendo workshop sul legame, il gioco e lo sviluppo psicomotorio in contesti di vulnerabilità sociale.

Ha lavorato anche nell’area clinica con bambini dai 2 ai 16 anni di età con difficoltà scolastiche, motorie, relazionali e comportamentali e diverse patologie come la sindrome di Down, l’agenesia del corpo calloso, il disturbo dello spettro autistico, eccetera.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *