tavolo retroilluminato montessori
Esplorare la natura, raccogliendo le foglie, guardandole in trasparenza, impilando legnetti e biglie.
Studiare le forme e i colori sovrapponendoli tra loro e scoprendone le magie.
Sono due attività che i bambini adorano,  di cui ho scoperto le infinite possibilità educative e pedagogiche nell’esperienza della scuola di Reggio Emilia, che i miei figli hanno avuto modo di frequentare per un anno. Una pedagogia conosciuta nel mondo in cui il bambino è il protagonista del suo spazio che può reinterpretare attraverso mille linguaggi.
Uno strumento di sperimentazione presente in tutte le scuole di Reggio è il tavolo luminoso, una superficie retroilluminato che guida la curiosità, la motivazione e l’immaginazione, permettendo ai bambini di concentrarsi sui dettagli e incoraggiandoli a riflettere e sperimentare. Si possono usare molti materiali sulla superficie luminosa: fiches colorate trasparenti da sovrapporre, forme di lettere, numeri, forme geometriche per comporre mandala e giocare con le simmetrie, radiografie, costruzioni, acetati disegnati, specchi, poligoni, materiali artistici, colori, sabbia, elementi naturali come foglie, pigne.
Tavoluccico è anche di più: togliendo il piano retroilluminato abbiamo un piano contenitore, dove si può giocare con tutti quei pezzettini piccoli che potrebbero spargersi ovunque: perline, sabbia, chiodini, sassi, semi… e continuare a inventare.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *